Archivi tag: finestre

finestre

Corrente di giorno e luce di notte, le finestre del futuro!

Tra non molto tempo forse entro quattro massimo cinque anni Le finestre produrranno elettricità, corrente ed illumineranno la nostra casa.
Come sarà possibile?
Grazie ai nuovi dispositivi fotovoltaici basati su materiali ibridi, semitrasparenti, sottili e colorati, integrati nelle pareti e nelle finestre.
Una vera rivoluzione che entrerà nelle case e negli uffici a costi accessibili e con un risparmio sulla bolletta.

Parlando con il professore Giuseppe Gigli dell’Università del Salento abbiamo capito la portata di questa vera e propria rivoluzione.
I materiali usati per il progetto sono ormai conosciuti da tutti e si tratta dei LED.
Attualmente le tecnologie utilizzate nel fotovoltaico usano pannelli di silicio, montati solo sui tetti delle case che hanno una superficie limitata oppure nei campi che sono disseminati di pannelli fotovoltaici.
Per questo motivo il rischio è che il fotovoltaico sia percepito come tecnologia negativa che ha impatti devastanti sul territorio.
Ecco perché tecnologie che si basano invece su materiali ibridi o completamente molecolari, come appunto gli  stanno avendo tanto successo.
Gli OLED sono pellicole sottilissime simili ad adesivi trasparenti composti di materiali molecolari che hanno la capacità di assorbire la luce e di produrre elettricità.
Il vantaggio rispetto al silicio è che sono efficienti indipendentemente dall’orientazione rispetto alla luce solare quindi si possono installare anche verticalmente, ricoprendo interi lati dei palazzi.

shutterstock_70149901

Le finestre e i serramenti per aumentare l’efficienza energetica.

Questo quanto è risultato dal confronto sul tema in un seminario organizzato da Alpac Academy a Roma lo scorso 1 luglio, dove è stata posta l’attenzione sul cassonetto quale elemento critico per assicurare il corretto isolamento termo-acustico e aumentare l’efficienza energetica del nucleo abitativo.

“I serramenti rappresentano l’elemento con maggiore dispersione dell’intero involucro edilizio– ha affermato nel suo intervento l’architetto Ester Marino, esperto di riqualificazione finestre e consulente CasaClima – ma non basta la loro sostituzione per assicurare il migliore comfort ambientale. Il 25% della dispersione della finestra deriva dal cassonetto, troppo spesso trascurato specialmente se si installano infissi ad elevato isolamento senza sostituire il vecchio cassettone, oltre ad essere l’elemento che pone maggiori problemi dal punto di vista estetico”.

Importante quindi l’utilizzo di un cassonetto che risponda pienamente ai requisiti evitando soluzioni improvvisate o rattoppi e assicurando anche una facilità di montaggio, senza dover ricorrere a opere di muratura. Un’ottima soluzione è stata presentata da Roberto Mancini, responsabile di area di Alpac, l’azienda vicentina specializzata in sistemi di chiusura del foro finestra, che ha illustrato ai professionisti ospiti le peculiarità del nuovissimo brevetto.

E’ stato poi sottolineato dai singoli relatori come il futuro dell’edilizia sia sempre più nella ristrutturazione: nel 2013 gli investimenti in riqualificazione del patrimonio abitativo hanno rappresentato il 37,3% del valore degli investimenti in costruzioni e sono stati l’unico comparto a mostrare un aumento dei livelli produttivi, con una crescita del 2,6% rispetto all’anno precedente; inoltre, parlando di prospettive future, si stima che il 53% delle abitazioni attuali non abbia mai subito interventi di manutenzione straordinaria.

Anche il Governo ha dato un input forte a questa tendenza con il recupero fiscale delle spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica sugli edifici esistenti, tra cui la sostituzione di serramenti e cassonetti.